Star Wars – The essential guide to warfare

Essential_Guide_to_Warfare-coverStare qui a dire quanto Star Wars abbia segnato la storia della fantascienza e della cultura popolare dal 1977 sarebbe superfluo, dato che praticamente chiunque conosce almeno per sentito dire la saga più appassionante (e più bella, diciamocelo) della storia del cinema. Su Star Wars è stato detto tutto ed il contrario di tutto, e dalla sceneggiatura di George Lucas sono nati progetti a migliaia, inclusa una nuova religione con tanto di cerimonie ed usi (e richiesta di ufficializzazione accolta in alcuni casi). Quindi si può saltare un’introduzione e venire direttamente al libro che vi presento oggi.

Star Wars – The Essential Guide to Warfare (di Jason Fry, 246 pagine, Ballantine Books, 2012) è un libro softcover che si occupa di esaminare a grandi linee l’aspetto bellico dell’universo di Star Wars. Non ci sarebbe da meravigliarsi, perchè sin dal titolo la saga stellare promette battaglie (e sappiamo tutti che mantiene le promesse); eppure fino ad oggi un volume dedicato solo alle operazioni militari in Star Wars non era ancora stato scritto. Il libro è molto recente, quindi attinge a piene mani non solo alle due trilogie cinematografiche, ma anche alle serie televisive di Clone Wars, alle centinaia di romanzi e fumetti pubblicati ufficialmente, ai videogiochi, ai giochi di ruolo, ed in generale a tutto l’expanded universe. Il formato del libro è ovviamente quello di un volume illustrato, interamente a colori, con i racconti dei fatti come se fossero davvero descritti in un libro di storia della galassia di Star Wars, e con finestre di approfondimento su personaggi, mezzi ed armi. Nei 21 capitoli del volume troviamo coperte decine di migliaia di anni di storia della nota “galassia lontana lontana”, con un’ovvia preponderanza del periodo della Guerra dei Cloni, della Ribellione, e del Nuovo Ordine Jedi (che, come sanno bene i fans, è il periodo più approfondito, essendo anche il tema dei film e della stragrande maggioranza di romanzi, fumetti e giochi di ruolo).

Il libro si apre con i primi tre capitoli dedicati all’inizio della storia, quindi al periodo precedente alla prima Repubblica, alla Repubblica antica, ed alle guerre di espansione fino all’arrivo dei Sith. I capitoli 4 e 5 si occupano delle Guerre dei Sith e del declino della Repubblica, per arrivare poi al punto focale del libro, con 4 capitoli dedicati alle Guerre dei Cloni, tre alla macchina bellica del Nuovo Ordine di Palpatine, due alla Ribellione. Seguono due capitoli dedicati al periodo post-Yavin (L’Impero colpisce Ancora ed Il Ritorrno dello Jedi), e poi gli ultimi capitoli narrano della fine dell’impero, della nuova Repbblica, il nuovo Ordine Jedi, le nuove guerre civili, fino all’assalto degli Yuuzhan Vong ed oltre.

Dal punto di vista delle informazioni, i primi capitoli ovviamente forniscono un quadro d’insieme, con pochissimi approfondimenti (22 pagine prima della guerra dei Sith, ed altre 24 prima della guerra dei Cloni), ma nonostante la disparità di trattamento – meno di un quinto del volume – si trovano informazioni interessanti sulla tecnologia delle prime navi da guerra, dei primi passi nell’iperspazio, e delle prime armi -dai blaster “portatili” all’evoluzione della spada laser. C’è anche da dire che un buon quadro degli eventi di questi antichi secoli è ben sviluppato in uno dei volumi della stessa serie, dedicato alla Forza, ed intitolato Jedi vs. Sith.

Passando al periodo delle guerre dei Cloni, il libro ci permette di comprendere a pieno l’evoluzione dei separatisti, delle loro motiviazioni e delle loro armate – dai primi modelli droidi fino alle navi da guerra classe Lucre. Ovviamente anche la nascita e lo sviluppo del progetto dei Cloni sono esaminate a fondo, dalla visione dello sfortunato Maestro Sifo-Dyas fino allo sviluppo ed impiego dell’esercito Clone non solo nelle guerre omonime, ma anche nelle prime fasi del Nuovo Ordine di Palpatine. Equipaggiamenti, armi, navi e persino tattiche sono descritte, se non in dettaglio, almeno con una buona dose di approfondimenti.

Il grosso del volume è dedicato però all’epoca dell’Impero e della Ribellione, con molti dettagli sullo sviluppo navale e con interessanti squarci sui personaggi che hanno reso possibile il “sogno” di Darth Sidious, dagli ammiragli fino alle umili truppe d’assalto; la defezione ed il tradimento di molti alti ufficiali imperiali che passano alla ribellione; l’organizzazione militare dei ribelli (in tutto e per tutto una fazione organizzatissima, non un gruppo di sbandati combattenti per la libertà, come potrebbe sembrare da A New Hope); e naturalmente i mezzi che hanno reso famoso questo periodo, dagli Imperial Star Destroyer alle Corvette Corelliane, fino alla Death Star.

L’ultima parte del volume è dedicata ai vari tentativi di ricostruire l’Impero (naturalmente con una cospicua parte sul Grand’ammiraglio Thrawn), ed alla guerra contro i micidiali Yuuzhan Vong, esseri che fondono biologia e tecnologia, e quasi del tutto impervi persino alle abilità Jedi. Anche qui troviamo una buona quantità di informazioni sulle tecnologie, sulle armi e sui personaggi del periodo, con i soliti ritratti di alcuni personaggi che nel materiale canonico sono solo secondari.

Quali sono le mie impressioni sul volume? Questo Essential Guide to Warfare costituisce un’ottima introduzione alla storia (per lo più storia militare) dell’universo di Star Wars, ma nonostante tutto si allontana poco dai canoni dei volumi precedenti, e si focalizza ancora una volta sul periodo meglio conosciuto; l’aspetto iconografico è notevole, con decine di immagini evocative, e molte cartine e mappe della galassia e dei vari cambiamenti in essa. Tuttavia mi sarei aspettato qualche illustrazione più dettagliata dei mezzi, e forse maggior spazio dedicato agli altri periodi ed anche alle tecnologie non strettamente repubblicane o imperiali (per esempio i Tusken, i Jawas, e così via – che d’altro canto però non hanno alcun ruolo nella vere e proprie guerre della galassia; ma anche i Mandaloriani, che pure sono molto spesso citati nel volume, a giusta ragione). Ma d’altro canto in un volume di 256 pagine sarebbe stato impossibile anche solo dedicarsi a tutti i più di 20mila anni di storia militare dell’universo di Star Wars. Personalmente trovo questa Essential guide to warfare piuttosto interessante, sia che cerchiate un’introduzione alla storia di Star Wars, sia che vogliate un “companion” al materiale che già possedete. Nella serie “essential guide…” questo libro è una valida aggiunta alla vostra biblioteca di Star Wars. Se però cercate qualcosa di molto dettagliato, allora dovreste rivolgervi agli altri volumi della serie.

Annunci

One thought on “Star Wars – The essential guide to warfare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...